Compostabile e Biodegradabile

Condividi Questo Post
Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Compostabile e biodegradabile

Molti gelatieri confondono compostabile con biodegradabile. Quali sono le differenze?
Un elemento biodegradabile non è infatti automaticamente anche compostabile.
La biodegradabilità è la potenzialità delle sostanze e dei materiali di essere trasformati, attraverso l’attività dei microrganismi presenti nell’ambiente, in humus, acqua e l’anidride carbonica.
La compostabilità è la potenzialità di un materiale organico di trasformarsi in compost mediante il processo di compostaggio: il compost è il frutto della disintegrazione e biodegradazione di materiale organico, ad esempio la frazione umida dei rifiuti domestici.

La normativa europea che definisce il riciclaggio organico degli imballaggi in Italia è l’UNI EN 13432. Lo standard UNI EN 14995 definisce invece, i prodotti in plastica compostabili, non usati come imballaggi. Per entrambi gli standard un prodotto è definito compostabile quando soddisfa quattro criteri:
a) deve essere biodegradabile (> 90% rispetto alla cellulosa) in un processo di compostaggio (180 giorni);
b) deve disintegrarsi in un ciclo di trattamento (90 giorni);
c) non deve avere effetti tossici sul compost prodotto;
d) non deve alterare il processo di compostaggio.

Articoli Correlati

News

Sigep Marzo 2022

L’Italian Exhibition Group ha rimandato la manifestazione Sigep dal 12 al 16 Marzo. La variante Omicron, nonostante sia meno letale, preoccupa gli albergatori e gli

Scopri tutte le novità del mondo della gelateria.

Contattaci per saperne di più

© 1972 – 2021 Tutti i diritti riservati.

P.IVA: 01418810337 – Made with Love by Fortitude.